catalog

 

      Prefazione

Devo confessare che, ad un certo punto, sono stato tentato a non mettere i giochi di parole come indizi ai titoli delle mie opere.Si può ricordare quello che Emily Dickinson una volta osservò giustamente:

L'enigma che si può intuire
lo dispreziamo rapidamente -
Non tutto dura così tanto
come la sorpresa di ieri -

Ho scoperto che la maggior parte delle persone, nel corso del tempo, formula i propri personali significati nascosti per queste rappresentazioni visive in modo che il gioco di parole ironico o faceto applicabile ad una singola opera è, a volte, anche più di una volta, cambiato radicalmente nel corso degli anni.

Ho anche sentito che uno dei miei eroi artistici, René Magritte, era di tanto in tanto di essere "troppo intelligente a metà" per pensare a sconcertanti titoli da dare ai suoi quadri in modo da aumentare il senso di mistero nell'esistenza umana.

Pertanto ho optato a lasciare i titoli umoristici pertinenti a posto, sperando allo stesso tempo di avere lasciato qualcosa di
mistero e le implicazioni filosofiche intatte.

Spero sinceramente che sarete d'accordo con questa decisione e che lo interpretiate come un invito verso un ulteriore associazione divertente e privo di idee e immagini. Lavori in corso !

Lorenzo Scaretti

NB
Le persone che amano e apprezzano le immagini e gli oggetti d'arte - e sono un bel po '- si dividono in due grandi
categorie: un gruppo vorrebbero spiegare di più e pensare a titoli alternativi ancora più strani e più assurdi,
mentre l'altro preferirebbe spiegare meno. Paradossalmente, penso che abbiano entrambi ragione.