Lorenzo Scaretti: LA SCIENZA DELLA RISATA

by Alan Jones

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I clichés sono l'armatura dell'assoluto.

Tristan Tzara

Quella sfidante concorrente di bellezza classica senza tempo, la Venere di Milo, che ha avuto il compito di salutare generazioni di adoratori dell'arte all'altare del Louvre, ha ricevuto nel 2004 un'importante riorganizzazione. Consiste in nient'altro che un cambiamento semantico, o didascalico, quanto basta per rovesciare le scale dalla riverenza alla risata. Chi, dopo aver assistito all'atto di immacolato vandalismo che Lorenzo Scaretti inflisse a questa divinità disarmata, unbikini e indifesa, potrà mai guardarla negli occhi senza soffocare un sorriso? Eppure l'astuto artista non ha fatto altro che staccare il titolo di un noto romanzo di Ernest Hemingway e applicarlo alla dea: Addio alle armi.(Farewell to Arms).

 

A

laughter2L.h.o.o.q. (Elle a chaud au cul) Marcel Duchamp, 1919. Può essere tradotto come "Lei ha un culo caldo". In una tarda intervista (Schwarz 2003), Duchamp ha dato una libera traduzione di "L.H.O.O.Q." come quest'ultimo. è anche un gioco di parole in inglese in quanto può essere pronunciato come "look".

absurdity
ambiguity
avalanche
antedote 

articulation
apropriation
awe

I ragazzi saranno ragazzi, come soleva dire la madre del principe Amleto. Una passeggiata lungo le strade di città oltre a manifesti modificati da giovani truanti dimostra questo principio secolare. Che poi del gesto sconsiderato di Marcel Duchamp quando disegnò un paio di baffi da cavaliere sulla Monna Lisa? Non uscendo abbastanza bene da solo, il burlone incise la cartolina con un nuovo, criptico, inedito titolo: L. H. O. Q. L'amico di Duchamp Francis Picabia, non essere da meno, infilò una scimmia impagliata su una tela e scrisse sotto: Ritratto di Cézanne. Spesso è la battuta più infantile del sempliciotto che sprofonda più profondamente nella memoria come un coltello noioso piuttosto che la più geniale arguzia del genio comico. In una gara di Buster Keaton -vs- Oscar Wilde, i soldi brillanti cavalcheranno sull'americano.

Marcel Duchamp ha scoperto presto che più lo scherzo è tiepido, più il suo effetto è insopportabile sulla vittima ignara. Mai uno sputa nella zuppa, ha servito il suo umorismo in modo impeccabile tiepido.

 

B

ballistic
banality
bullwark

Lorenzo Scaretti, dopo l'aperitivo e l'antipasto, suggerisce il piatto del giorno: il "Whiting on the Wall" - il pesce stesso servito su un piccolissimo murale di mattoni rossi - oppure un piatto di "Soleless Plaice", entrambi i piatti sono ben accompagnati da una caraffa di grand cru "D-Vine" del 1973. Anche se il menu cambia di giorno in giorno con audacità Nietzschiana, la fedele clientela torna con la certezza che la mano del Maître non esita mai.

Claughter3Ritratto di Cézanne, Francis Picabia, 1920. Riprodotto nel primo numero di "Cannibale" Picabia aveva inteso che una scimmia viva dovesse essere incorporata in questo lavoro, ma fu persuaso a scendere a compromessi.

calesthenics
calibration
cascade
casino
casuality
catapult
charades
circuit
circus
clairvoyance
classic
cliché
colloquialism
comedy



I metodi hanno la loro follia e l'acrobazia da parola a immagine è un'arte che non perdona. Lorenzo Scaretti sul triplo trapezio lavora senza rete. La tempistica, l'equilibrio, l'equilibrio e l'equilibrio (et qui libre?) Sono essenziali in cucina come nell'arena della corrida, sulla pista da sci, sull'alta fune del circo, lo spettacolo magico o prima che si accendano le luci del teatro sul palcoscenico. Duke Ellington non aveva bisogno di consultare la Duchessa per sapere che se non avesse quell'altalena non significava niente. Stranamente, la fotografia funziona allo stesso modo: se il signore di Cartier-Bresson con la bombetta e l'ombrella non fa il salto attraverso la pozza della pioggia, l'intera inquadratura viene persa. La bacchetta magica deve far apparire la colomba con una finezza di frantumazione, altrimenti l'illusione si frantuma. Una scenetta comica"Prendete mia moglie, di Shecky Green, per favore, chiunque!" - rischia facilmente di cadere piatto sul viso quando viene consegnato dal comico dello stand-up neofita. Per uno scambio di trucchi del mestiere, Buster Keaton sarebbe stato accolto a braccia aperte come un stimato collega di Sir Isaac Newton.

 

Dlaughter4Buster Keaton Sherlock Jr. Silent film with score), 1924.

daredevil
datum
declination
defend
delectation
demystification
denominational
displacement
documentation
dogmatic
doxology
dubitativy

Il nostro dilemma-dentro-il-dilemma quando si cerca di chiarire, a parole, le opere della "parola rappresentata" di Lorenzo Scaretti, non è altro che fissare una linea di partenza arbitraria, poiché il campo visivo che ci affronta è così vasto, e le prospettive così scoraggianti, che l'occhio della nostra mente deve lottare con il miraggio che luccica su orizzonti lontani oltre la griglia Dalì-esque latitudine e longitudine verso un punto di sfuggente di prospettiva epistemologica. Per chi è benedetto con il dono della vista donato da Dio, non c'è carenza di cose da guardare, ma chi osserva attentamente: una volta che si collegano i punti concettuali, si è inconsapevolmente trascinati nel labirinto di associazioni specchiato che, una volta dentro, deve essere seguito. Non si può tornare indietro.

 

Elaughter5Borsa da viaggio, Marcel Duchamp, 1916. stravagante

eccentricity
echalon
egrigiousness
election
ellypticity
eloquence
encyclopedia
enigma
empiricism
epistemology
equilibration
explotation

 

I bambini che giocano si intravedono brevemente alla luce del sole prima di sparire dietro il verde scuro del legno di bosso tagliato lasciando solo le loro risate nell'aria. Un fugace luogo comune dell'estate, ma che rimane immerso nella mente, fino ai T.S. Eliot apre le pagine di un racconto di Rudyard Kipling e trova i compagni di gioco ancora una volta, annusando ancora una volta l'odore acre della siepe e ascoltando le voci dei bambini invisibili oltre il labirinto del pomeriggio. Il pittore belga Paul Delvaux ritenne opportuno richiamare giovani ragazze dai loro letti ed inventare di averle nude sonnambule sotto l'ipnotica luce lunare delle stazioni ferroviarie abbandonate. Un tempo, Eugene Ionesco era conosciuto per mandare a galla lo sfortunato rinoceronte di René Magritte in un non-sequitante scatenato sul palcoscenico del teatro, davanti al disorientato pubblico di cravatte nere. Senza preavviso, a metà del balletto di Diaghilev-Cocteau-Picasso, la musica di Erik Satie viene interrotta dal suono di una comune macchina da scrivere.

 

F

facade
facility
factuality
fanaronade
fatality
fecondation
felicity
fenestrality
fiction
finesse
flyswatter
formula
frivolity


Robert Louis Stevenson osservò una volta che lo scopo di un'educazione formale era di consentire a un uomo che viaggia da solo di intrattenersi durante l'ora trascorsa in attesa in una stazione ferroviaria di campagna. Si dice che i treni persi sono belli, disse il poeta Jules Laforgue. Quanto sono belli, i treni ci mancano! Che Marcel Proust si divertisse con un biscotto della buonanotte, e che questo spuntino di mezzanotte potesse essere in grado di provocarlo per truccarsi a spese di innumerevoli bottiglie d'inchiostro e risme di carta da lettere, è un avvenimento su cui i neuro-linguisti farebbero bene a riflettere. C'era una volta un poeta romantico che non sapeva scrivere una sola parola senza la presenza di mele marce sulla sua scrivania.

G

gadget
gargoyle
garrulity
gladiators
glass
gothic
groundbreaking
guesswork
gutterspout
gyroscope


Il saggista americano Guy Davenport ha parlato dell'esistenza di una "geografia dell'immaginazione". La dimensione metafisica prima accennata da Max Klinger e Arnold Böcklin venne dissociata da Giorgio de Chirico, consolidando un campo di azione completamente nuovo (o inazione) della meta-banalità, e quindi impostò il corso estetico per un secolo. L'occasione della prima mostra di De Chirico a Parigi ha ispirato il poeta Guillaume Apollinaire ad affidare per la prima volta alla carta la parola surreale, molto prima che questo aggettivo fosse dirottato da un bibliotecario di nome André Breton, che - ironia dell ìironia - era tardi per "espellere" De Chirico dal movimento stesso che era stato battezzato in suo onore. Non sorprende che il padre di Breton sia stato impiegato come archivista per la Gendarmeria. Ciò che è perduto nella traduzione ci viene restituito tramite un messaggio in una bottiglia.

 


Hlaughter6Piazza, Giorgio De Chirico, 1920.

harmonics
heresy
hierarchy
hilarity
hobby
hold-all
homonym
hourglass
hyperbole

Al crepuscolo le voci dei bambini sono ancora vagamente sentite dal parco; le damigelle tornano dalla loro passeggiata notturna, sconcertate da un sogno mezzo ricordato; il rinoceronte, perduto per quello che deve fare, i finti malati nel vicolo all'ingresso degli artisti; la pasticceria ha fatto una fortuna con i loro famosi bignè alla crema Proustiani; e il treno choo-choo in miniatura di Giorgio de Chirico passa in programma tra il sonno e il risveglio dall'altra parte della piazza del paese. Nel diversivo della festa di compleanno noto come "sussurro", il messaggio confuso finale potrebbe rivelarci qualche verità eterna. Lorenzo Scaretti potrebbe essere definito un cartografo che traccia la geografia non rivendicata dell'immaginazione.

 

I

iconoclasm
identicality
ideogrammaticality
illusionlist
immediation
impeccability
implicitness
inevitablity
innuendo
insidiousness
intentionally
interposition
interspace
intervention
invective
inventive
inventory
investigativeness


Il terreno di questa terra incantata promessa è stato spesso descritto in termini boschivi; è attraversato da una miriade di sentieri battuti, e attraverso questa natura selvaggia hanno vagato i più illustri degli stranieri in una grande varietà di missioni: il vello d'oro, il santo graal, la fonte della giovinezza, il perfetto martini secco. Sono passati sotto il riparo ma spesso inquietante insulto di valli , in fuga verso l'esilio o sulla ricerca sacra, come il Gilgamesh, l'Orfeo, l'Odisseo, Dante, Sir Lancillotto, Chaucer e i suoi compagni pellegrini, John Bunyan, Ponce de Leon, Daniel Boone, Nerval, Baudelaire, Gautier ... "Wie froh ich bin", grida il giovane Werther di Goethe, "Dass ich weg bin!" Come sono felice di essere via. La linea d'ombra che Arthur Rimbaud percorreva, tra la lisière des bois, tra il margine del bosco e i campi inzuppati dal sole, tra il buio e la luce, significa molto più che il percorso più breve tra la porta di un locandiere e il successivo. Era un viaggio metafisico non misurato dai chilometri di distanza.

J

jauntiness
jockey
jocularity
joke
judiciousness
juxtaposition

I pendolari che tornano a casa dopo una lunga giornata di lavoro spesso possono essere visti rilassarsi sui mezzi pubblici allenando la mente con riviste di rompicapi come la Settimana Enigmatistica, piena di cruciverba e giochi visivi esasperanti. "Ci sono venti diversi dettagli in queste due immagini: puoi trovarli?" Gli antropologi hanno dimostrato che le cosiddette "società primitive" prosperano sulla complessità, più sono intricate e migliori, sia la struttura grammaticale delle loro tortuose declinazioni, le loro interminabili saghe epiche, l'infinito gioco quotidiano di tabù e superstizione, o l'elaborata complessità delle loro arti decorative. Potrebbe essere che un'invenzione così deliberata di questo vero e proprio percorso a ostacoli della ginnastica mentale non fosse altro che un modo per "l'uomo primitivo" di sfogarsi nella sua frustrazione nel rendersi conto che ciò che la sua mente poteva già concepire era troppo lontano dal suo la mano potrebbe ancora mettere in pratica? 
Qualcuno avrebbe voluto porre la domanda a Marcel Duchamp.

 

K

kaleidoscope
laughter7Portrait of Marcel Duchamp, Viktor Obsatz, New York, 1953. kiosk 

kleptomania
knot
knowledgeability

E' del tutto inutile affermare che Marcel Duchamp, insieme al suo discendente illegittimo, Andy Warhol si erge nella giungla dell'arte come figure ieratiche, consultate da tribù che si stringono come oracoli, ogni loro discorso sezionato, ristretto e ribolliti, poi distillati dagli stregoni dell'accademia nell'elisir magico per curare ogni difetto estetico della sensibilità, e per allontanare il malocchio del mercato dell'arte. Nella lotta tra cerebrale e fisico, tra intellettuale e ottico, si potrebbe dire che lo stendardo di Marcel Duchamp - nella sua campagna di disincanto concepita dietro l'indifferenza - ha portato il giorno, mentre nella schermaglia. La muscolosa brigata di Pablo Picasso si è ritirata ordinatamente su un terreno più alto per riorganizzarsi. Il giocattolo del pensatore, confezionato ideato e brevettato da Marcel Duchamp, ora sembra aver vinto il premio, afferrando l'anello d'oro per l'allegro -girotondo del Luna Park post-moderno. La noncuranza, stanca del mondo, ha superato in prestigio le eroiche fatiche di dipingere a olio su tela

L

labyrinth
legerdemain
libration
ligature
lighthouse
linguistical
literality
locality
loophole
loquacity
lotus
luniformity

 

"L'ignoto", HH Monro - meglio conosciuto come Saki - una volta un proverbiale inquietante. "La misteriosa legge del Readymade (già fatto e confezionato), come vendere il ponte di Brooklyn o il Colosseo, è diabolica nella sua semplicità: tutto quello che fai è scegliere un oggetto, qualsiasi oggetto, e poi cambiare il nome di quell'oggetto. Edipo immobilizzò la Sfinge, Ercole pulì le stalle, San Giorgio uccise il drago e Duchamp? Duchamp uccise la metafora, e fece un buon lavoro sul concetto di originalità. Mentre i pittori lottavano nell'età della fotografia e del cinema per riconvalidare il loro mestiere, Duchamp si limitava a eludere l'intera questione.Invece iniziò a giocare a un gioco di sua invenzione, senza rivali con cui confrontarsi.
Ha abilmente coperto le sue tracce così bene che ha fatto di lui un duro atto da seguire da allora.

M

macaronicism 
magic
materiality
maze
medallion
memorandum
metabasis
metamorphosis
methodology
metronome
miscellanies
modulation
monad
multifaciousness
mythography

 

laughter8Cadeau, Man Ray, 1921.

Il Readymade è un'evocazione immateriale, e in pratica è vicino a un'altra forma d'arte che è esistita per tutto il tempo che ha dipinto. È l'arte della poesia. Mentre il pittore deve rappresentare, il poeta deve solo evocare. Nel suo poema epico Sordello, Robert Browning ci augura di vedere la città di Verona e così, con un effluvio come un mago che tira indietro una tenda e allunga il braccio, dichiara: "Ecco Verona!" Voltando le spalle al dipinto tradizionale, Duchamp - deliberatamente o no - prese l'arpa di Orfeo, il poeta dei doni divini che poteva domare le bestie selvagge con la sua musica e le sue parole e spostare le montagne. Come Orfeo, Duchamp nel suo modesto modo, arrivò a un metodo per spostare le montagne, usando non più di parole per le sue feste di ingegneria estetica. Oggetto di essere rinominato, ricevere una sorta di lifting semiotico, una nuova prospettiva di vita, non dissimile il "programma di protezione dei testimoni" dell' FBI in cui ai testimoni innocenti viene dato un nuovo nome e identità, non sempre di loro scelta. Dall'altra parte della legge, i desperados sono stati conosciuti per vivere in un'altra parte del paese sotto falso nome. Pecos Bill diventa John Smith. In un certo senso, la cerimonia con cui i candidati furono iniziati al nobile ordine dei Readymades consistette solo nella concessione di un titolo. Una volta interrogata sull'influenza che Jules Laforgue aveva avuto sul suo lavoro, Duchamp rispose,
"Ero interessato principalmente ai suoi titoli."

 

N

laughter9Tzanck check, Marcel Duchamp, Dec. 3, 1919, Parigi Collezione di Arturo Schwarz, Milano.

namesake
nonsense
narration
nature morte
nomenclature
neo-nominality
notionality
nummularity
nuncupativity

Alcuni spettatori rimangono ovviamente sconcertati e poco convinti. Anche dopo aver ascoltato le solite spiegazioni, rispondono: "Puoi continuare a chiamarlo una" fontana "finché le mucche non tornano a casa, ma a me sembra ancora una dannata tazza del gabinetto." È stato Francis Picabia a dire una volta: "L'arte è un prodotto farmaceutico per gli imbecilli". La questione spinosa tuttavia rimane: una volta che l'oggetto è stato trasformato dalla magia di Duchamp e degradato dallo stato di Readymade può riassumere la sua precedente umile funzione? L'artista potrebbe portarlo avanti verbalmente, come nei divorzi islamici, o sarebbe necessario un documento legale? "Io sottoscritto dichiaro che da quel giorno in poi l'apparecchio da bagno da me con il titolo" Fontana "al suo stato attuale non sarà più un'opera d'arte".
La giuria è ancora fuori.

 

O

oblation
observatory
oculist
orbit
orchestration
orthography
outlandishness
owl

 

 

laughter11Valori personali, René Magritte, 1952

René Magritte arrivò a una subdola forma di traduzione, ma invece di eseguire il rendering del latino di Virgilio nel comprensibile dialetto della Scozia, arrivò a un metodo che gli permetteva di tradurre le parole in immagini, il linguistico nel visivo. Difficilmente si può dire che sia stato il primo a impiegare questo stratagemma di gioco di prestigio. Si può dire che il vero gioco del dare un titolo sia la base del viaggio intellettuale dell'uomo, sia nell'utile pratica della comunicazione verbale sia nelle rappresentazioni rese manualmente. nei santuari delle caverne o sul fronte delle scogliere rocciose. La metodologia di Magritte come pittore-poeta è quella di cortocircuitare le abitudini percettive dell'uomo moderno occidentale, interrompendo il messaggio secondo secondo mentre viaggia dall'occhio alla mente.
"Pensavo che avrei dovuto guardare un'immagine", esclama il cittadino medio occidentale, "e qui sono bloccato in un lessico ubriaco". Ci si potrebbe chiedere se questa forma di sabotaggio linguistico sia possibile  in una civiltà come quelle dell'Antico Egitto, o ancor più nella Cina millenaria nella quale fino agli odierni ideogrammi, come gli antichi geroglifici lungo il Nilo, sono già immagini di se stesse in miniatura delle stesse cose che intendono rappresentare. Il significante e il significato vivono in una simbiosi molto diversa dalle nostre astrazioni alfabetizzate, cosicché la denominazione mantiene un rapporto intimo con la rappresentazione, al punto che in Cina il poeta può essere legittimamente definito un pittore e il pittore un poeta, senza la minima distinzione tra i due. Con questo in mente si può ipotizzare che l'eccentrico pittore rinascimentale sicuro successo alla corte di Tai-Tsong o Chi-tsong-hienHong-Ti nella Città Proibita.

laughter10Geroglifici egiziani dal tempio di Sobek e Haroeris a Kom Ombo. 180 AC durante l'era tolemaica.

 

 

 

 

 

 

 

 

 P

palindrome laughter12Il Seduttore, René Magritte, 1953parabole
perpetuity
perplexity
phonetics
platitude
play
poetics
prepositionality
projectivety
propulsion
proscenium
provocation
pun

Diamo un'altra occhiata a ciò che René Magritte intendeva raggiungere, e ci riuscì con tale facilità e senza sforzo nel realizzarlo. L'impresa di René Magritte si può dire in gran parte basarsi quasi esclusivamente su una sorta di estensione del noto effetto del trompe l'oeil nella pittura europea, che di fatto è un aspetto fondamentale dell'arte pittorica dalle pitture rupestri preistoriche al dipinto ad affresco degli antichi greci.Come il mago sul palcoscenico che confonde l'occhio di chi guarda con la sua leggera mano, il pittore trompe l'oeil interrompe la navigazione visuale da punto a punto dove il nostro occhio traccia il suo itinerario, di cui Roland Barthes aveva molto da dire per quanto riguarda le abitudini di lettura dell'occhio della fotografia.
Ma come si dice alla galleria del carnevale, la mano è più veloce della mano.

Q

quantum
questionability
questionnaire
quiescence
quincunx
quintessence

 

Due illustri dame stavano in piedi un giorno di pioggia, non molto tempo fa, fissando da una certa distanza una grande tela di Constable alla Tate Gallery di Londra. Il dipinto raffigurava una scogliera robusta circondata da querce torreggianti che nascondevano una casa padronale volto alle pozze lasciate su una spiaggia di ciottoli con la bassa marea. Un giovane uomo si accovacciò davanti all'angolo inferiore del vasto dipinto così vicino che il suo naso quasi toccò la sua superficie, che sembrava stesse scrutando pennellata per pennellata. La sua posa, così come i suoi pantaloni schizzati di vernice, tradivano la sua vocazione nella vita: un umile discepolo della Musa. In breve, uno studente d'arte. "Dalla casa dello zio Edgar dietro quegli alberi", disse uno alla sua amica, "scappavamo per quella strada per raccogliere conchiglie e curiosare tra le rifiuti della spiaggia ..." Le signore, naturalmente, stavano guardando una foto; lo studente d'arte, un dipinto.

R

rambunctious laughter13rationality
reality
rearrangement
rebus
recalcitrance
reciprocation
recomparition
redundancy
reduplicity
rhetoric
ribaldry
ridiculousness
risibility

René Magritte, nel quadro del tableau vivant, immaginava le sue figure in abito nero e cappello a bombetta, a metà strada tra le signore e lo studente d'arte. Fu per una buona ragione che il grande mercante d'arte Leo Castelli, proprio all'inizio della sua scoperta degli artisti pop di New York, trovò utile tracciare un parallelo tra la deliberatamente maldestrezza tecnica di James Rosenquist e l'astuzia comica di Magritte, un pittore di quadri, non di dipinti.


S

sabotage
sample
secularity
simulation
slapstick
sonority
speculatrics
strategy
striptease
stuntman
subliminality
surprise
surreptitiousness
syntax
systematics

 

La scienza moderna è stata una sfida oltre che un'ispirazione per i praticanti in tutti i campi dell'arte per oltre un secolo. Alla fine dell'Ottocento, epoca di rapidi sconvolgimenti nella scienza che stavano già cominciando a condizionare la vita di tutti i giorni, Jules Laforgue ebbe la l'intuizione di affrontare questioni di cosmologia speculativa e per deridere delicatamente la sua euforica fiducia nel Progresso che donò l'illusione faustiana che in qualche giorno futuro tutte le sue vulnerabilità sarebbero state superate.
Prometeo illimitato incontra Jules Verne e H.G.Wells. È bene ricordare che Jules Laforgue aveva anche tradotto Walt Whitman, il primo poeta della storia a cantare le lodi delle tubature interne in un Inno: "tubo di scarico, gasometri, fertilizzanti artificiali ..." L'uso ironico della terminologia pseudo-scientifica in il verso di Laforgue attirò l'attenzione del giovane Marcel Duchamp nella sua ricerca di un'alternativa dietetica alla macedonia dell'Impressionismo, al fine di escogitare un approccio completamente nuovo che avrebbe posto ancora una volta l'arte "al servizio della mente", una forma d'arte che non sarebbe più composta da "Paesaggio con tre mucche" in cornice d'oro opzionale. Con curiosi visitatori provenienti da tutta Europa, specialmente Parigi, per vedere cosa riserva il futuro, Francis Picabia osservò: "Tutti parlano dei grattacieli di New York. Si dimenticano che in Francia c'è un frutto chiamato asino-raschietto. "


T

laughter14Perché non starnutire Rose Selavy? Starnuto. La temperatura delle sue battute -Marcel Duchamp, 1921

tableau vivant target
tautology
telepathy
tickle
trap
travesty
trickster
trompe l'oeil
trope
trophy
typography

 

L'umorismo, come valore filosofico in sé e per sé, ma anche come arma, è presente in tutto il lavoro di Jules Laforgue e Marcel Duchamp. Duchamp avrebbe ridacchiato la piccola battuta spiritica che spesso a Sigmund Freud piaceva ripetere: "Dove mando i miei pazienti con i nervi? Li mando a Nervi". È strano che non ci siano risate da ricavare da una lettura della scrittura di Henri Bergson sul tema delle risate. Si potrebbe sospettare plausibilmente che Marcel Duchamp avrebbe evitato i film di Nanni Moretti e Roberto Benigni in favore di Peter Sellers o Jerry Lewis.

 

 

U

ubiquity
unicorn
unison
upholstery
urbanity
utility

La scienza moderna è stata una sfida oltre che un'ispirazione per i praticanti in tutti i campi dell'arte per oltre un secolo. Alla fine dell'Ottocento, epoca di rapidi sconvolgimenti nella scienza che stavano già cominciando a condizionare la vita di tutti i giorni, Jules Laforgue ebbe la l'intuizione di affrontare questioni di cosmologia speculativa e per deridere delicatamente la sua euforica fiducia nel Progresso che donò l'illusione faustiana che in qualche giorno futuro tutte le sue vulnerabilità sarebbero state superate.
Prometeo illimitato incontra Jules Verne e H.G.Wells. È bene ricordare che Jules Laforgue aveva anche tradotto Walt Whitman, il primo poeta della storia a cantare le lodi delle tubature interne in un Inno: "tubo di scarico, gasometri, fertilizzanti artificiali ..." L'uso ironico della terminologia pseudo-scientifica in il verso di Laforgue attirò l'attenzione del giovane Marcel Duchamp nella sua ricerca di un'alternativa dietetica alla macedonia dell'Impressionismo, al fine di escogitare un approccio completamente nuovo che avrebbe posto ancora una volta l'arte "al servizio della mente", una forma d'arte che non sarebbe più composta da "Paesaggio con tre mucche" in cornice d'oro opzionale. Con curiosi visitatori provenienti da tutta Europa, specialmente Parigi, per vedere cosa riserva il futuro, Francis Picabia osservò: "Tutti parlano dei grattacieli di New York. Si dimenticano che in Francia c'è un frutto chiamato asino-raschietto. "

.

V

vaudeville veracity
verbality
vernacular
vertigo
visuality
vocabulary
vocality
vortex
vulgarity

 


L'isolamento di due immagini separate era basato su due parole che, pur suonando allo stesso modo, possedevano significati molto diversi, spingevano la storia in avanti in regioni dell'immaginazione fino ad allora irraggiungibili. La razionalità incessantemente cartesiana dominava ancora la dizione, ma il significato vacillava incontrollabilmente in una nuova dimensione. L'assurdità acquistò una strana dignità solenne mentre il gioco di parole trascinava la logica come gomma elastica in contorsioni grottesche.

laughter15Prima Internationale Dada Fair,Berlin, 1920.

Fu solo molto tempo dopo che Roussel spiegò i meccanismi segreti del suo modo meccanico di composizione nel commento del libro" j'ai écrit certains de mes livres". L'effetto sullo spettatore innocente era disorientante a dir poco, ma cadde come pioggia su terra arida per personaggi come Guillaume Apollinaire, Francis Picabia e Marcel Duchamp. "Sentivo come pittore che era molto meglio essere influenzati da uno scrittore piuttosto che da un altro pittore", ha precisato Duchamp molti anni dopo. "E Raymond Roussel mi ha mostrato la via." Roussel può quindi essere considerato l'improbabile portabandiera dei futuri dadaisti, proprio come il francese Rousseau ha tenuto un posto d'onore al banchetto dei cubisti.

 

W

warp
whirligig
wile
wisdom
wit
wizardry
wonder
writing
wrongness
wry

Sarebbe imperdonabile non menzionare l'impatto di James Joyce che espresse in termini concreti il ​​funzionamento psicologico della nostra vita mentale rivelando il modo in cui la mente in ogni momento è impegnata a portare avanti un monologo continuo con se stesso, un treno di pensieri che può facilmente essere sviato, distratto dalla sua destinazione originale.

Queste divagazioni possono meravigliare davvero molto, proprio come la storia spesso raccontata da una nonna che racconta la partenza di uno zio per un viaggio intorno al mondo in marina può facilmente includere un'elaborata ricetta per lo stufato di pollo senza sforzare minimamente la narrativa. Lawrence Sterne ha scritto il suo romanzo Tristam Shandy come una lunga digressione. Tali abitudini di pensiero possono sembrare quasi meccaniche nei loro salti senza sforzo da un'associazione all'altra come se i contenuti della memoria fossero mischiati in un sacco e disegnati uno dopo l'altro come biglietti della lotteria. Gli investitori "mettono i loro soldi per lavorare" nel mercato monetario, mentre nella banca della memoria le fusioni di partecipazioni disparate suscitano grande interesse. Mentre Freud parlava di sesso tribale, l'antropologo Leo Frobenius coniò il termine sprachtrieb: l'urgenza di parlare.
Lorenzo Scaretti canalizza il suo flusso di coscienza tra argini accuratamente rialzati di un'ingegneria retorica ben congegnata, che trabocca periodicamente in punti prestabiliti per irrigare il fogliame loquace del suo giardino verbale. Lorenzo Scaretti, come Joyce, è un inveterato vocabolo. L'illustre critico letterario francese Auguste Bailly fu tra i primi a descrivere la formula dello scrittore irlandese: "Funziona per associazione più o meno allo stesso modo del gioco per bambini delle catene di parole, Mouche à miel; miel de Narbonne; bonne à tout faire; fer à cheval; valet de pique ... Ne consegue che, se lo scrittore desidera dare uno studio completo e accurato della mente di uno dei suoi personaggi, non deve più impiegare il metodo classico di analisi e di discussione dei pensieri ... Non pensiamo su un solo piano, ma su molti piani contemporaneamente: è sbagliato supporre che seguiamo solo un treno di pensieri alla volta ... "È difficile pensare a un singolo artista visivo che ha avuto la sfortuna essere sordi.Tutte le attività sportive senza eccezione sono mute; l'eloquenza e l'articolazione degli sport olimpici rimangono esclusivamente fisiche. Johann Sebastian Bach è tutto alla caviglia. Lorenzo Scaretti tiene due cinture nere, una nel ju-jitzu dei gerghi visivi, e un'altra nel karate della calistenia fonetica.

X

xanadu
xenogomy
xiphias
x-ray
xylophone

 

Ci sono artisti le cui opere individuali incontriamo come singole conferme in continuità con le fatiche passate; in questi casi, appuntare il nome corretto dell'artista sul lavoro a prima vista è l'orgoglio di molti intenditori che passeggiano. Ci congratuliamo felicemente con noi stessi per aver riconosciuto la creatività prevedibile. Dopo un certo punto ci sentiamo così a nostro agio con quei fiaschi che abitano i quadri di Giorgio Morandi che sembra quasi che ci fossimo spesso seduti a quel desolante tavolo con il maestro in persona e prosciugare quelle bottiglie polverose. Dopo un po 'diventa penosamente evidente che la cantina è spartamente fornita.
In altri casi, entriamo in camere bianche igieniche per passare lungo la tela su tela di un rigore monocromatico astratto uniforme, ognuna delle quali coscienziosamente recante lo stesso titolo: Senza titolo.
Quando però mettiamo piede nel mondo di Lorenzo Scaretti ci rendiamo subito conto che stiamo entrando in un fuso orario tutto in uno diverso. La nota che per prima ha più risonanza è quella di qualcosa che manca della singolarità assoluta. La trappola è stata regolata con abilità e non è senza divertimento: mentre i nostri piedi inciampano in quello che prima avevamo preso per i portali solenni di un tempio all'arte sublime, ci scopriamo presto i visitatori non preparati a qualcosa che sembra essere un incrocio tra una sfilata di mardi gras nel centro di Rio e un tecno-jamboree in un liceo progressivo scientifico dedicato zelante alla promulgazione di alcune delle più offuscate speculazioni di Giordano Bruno o Quintus Aucler.

Y

yardstick
yawn
yoga
yogi
yolk

Dopo essersi soffermato un attimo gli occhi e sollevarsi barcollando, la prima domanda di Dante a Virgilio era: "Dove sono?"
Questa inchiesta è stata spesso ripetuta da allora da pellegrini che si sono avventurati in uno o in un altro dei mondi convenientemente situati che si trovano parallelamente alla nostra abituale routine quotidiana. Peter Pan in Neverland; Alice attraverso lo Specchio che passa le usanze nel Paese delle Meraviglie; Judy, Tin Man e il Leone nel loro primo giorno nella nuovissima Repubblica di Oz. Hänsel e Gretel disseminano la foresta oscura con il loro pangrattato; Punch e Judy incriminati con l'accusa di violenza domestica; Pinocchio sulla strada, autostop sulla costa; Huckleberry Finn e Pipi Calzelunghe scendono a valle - nessuno di questi coraggiosi viandanti avrebbe approfittato del possesso di una cartina del Touring Club o di un visto appositamente rilasciato dall'UNESCO. Ma possiamo ben sospettare che ognuno di questi amati eroi ed eroine abbia capito tutto fin dall'inizio, non importa quanto duramente abbiano tentato di non farcela. La Yellow Brickroad à la lisière des bois - anche se ci porta dritti verso il pan di zenzero della strega, verso la pericolosa fortezza delle guardie del corpo delle scimmie volanti o l'ammiraglia del bucaniere con le mani in mano - conduce verso una sola destinazione: la ricerca della vera conoscenza.


Z

zebra
zenith
zephyr
zigzag
zodiac
zonality
zouave
zygomorphicality

 

Lorenzo Scaretti allontana le sue opere l'una dall'altra come frasi discrete che culminano in un singolo paragrafo, o gruppi di note in una frase musicale. Un leitmotif sembra emergere mentre passiamo da un'opera all'altra con la sempre più forte sensazione di trovarci di fronte a certi affreschi inesplorati a Pompei, dove i Misteri sono svelati alla luce del giorno, ma non vengono spiegati.
Il lavoro di Lorenzo Scaretti ci chiama alle esortazioni mentali che solo in rare occasioni sono richieste nei nostri consueti incontri con l'estetica contemporanea. La sequenza da un lavoro all'altro è accuratamente tracciata dall'artista stesso.

L'iniziato si rende presto conto di non essere in presenza di quadri da cavalletto convenzionali, ma, piuttosto, ha la sensazione di un confronto faccia a faccia con il meccanismo di una disciplina speculativa mai vista prima, che ci sfida in ulteriori sforzi per tentare decifrando questi diagrammi enigmatici fino a quando non arriva, forse, un rapido sguardo su ciò che potrebbe essere l'illuminazione.

A L A N J O N E S
Zagreb 2012